Progetto scientifico “SubCULTron”: pesci robot sottomarini ed esperimenti
» » Progetto scientifico “SubCULTron”: pesci robot sottomarini ed esperimenti

Progetto scientifico “SubCULTron”: pesci robot sottomarini ed esperimenti

pubblicato in: Eventi a Venezia 0

Scienziati europei stanno costruendo una società di robot sottomarini autonomi per il monitoraggio ambientale della Laguna di Venezia.

Il progetto scientifico “subCULTron” recentemente lanciato dall’Unione Europea è sulla buona strada per creare nuovi standard nel campo del monitoraggio ambientale sott’acqua. La laguna di Venezia è l’area destinata a sviluppare questo progetto e diventerà il più grande sottomarino robot autonomo del mondo, composto da 120 pesci robot di tre diversi tipi, attualmente sviluppato da un team internazionale di scienziati provenienti da Austria, Italia, Croazia, Francia, Belgio e Germania. L’obiettivo è quello di monitorare la Laguna di Venezia e il suo corpo idrico circostante.

L’approccio sciame permette di ottenere una varietà mai prima raccolta di dati in parallelo, che fornirà nuovi elementi utili per l’ecologia, l’industria, il turismo della Laguna di Venezia.
Il Pala ExpoVenice ospita dal 12 al 16 ottobre uno stand dove sarà possibile conoscere i primi prototipi del sciame subCULTron robot e primi esperimenti.
Nell’ambito del progetto finanziato dall’UE subCULTron in gruppo di scienziati stanno lavorando sulla creazione del più grande sistema subacqueo intelligente al mondo di monitoraggio che coordina, comunica e raccoglie in modo autonomo i dati. Gli scienziati stanno progettando uno sciame di veicoli subacquei autonomi, composto da tre diversi tipi di robot, ognuno dei quali specializzato per un determinato compito, chiamato “aFish”, “aMussels” e “aPads”. Questi tre tipi di robot non sono controllati dagli esseri umani, comunicano e interagiscono tramite algoritmi bio-ispirati in modo autonomo.

Perché la Laguna di Venezia è stata scelta come area di destinazione per gli esperimenti?

La laguna di Venezia è stata scelta come area sperimentale, perché questa regione e il suo mondo sottomarino offrono un’enorme varietà biologica ed ecologica che è fortemente influenza dall’industria, dagli abitanti e dal turismo. Esperimenti con la subCULTron sciame sottomarino autonomo si svolgeranno nei canali di Venezia, nelle saline circostanti e in un allevamento di mitili nelle vicinanze. In totale, un numero enorme di dati diversi da habitat diversi con varie influenze possono essere raccolte e analizzata dagli scienziati. I dati raccolti (ad esempio, qualità dell’acqua) saranno inoltre pubblicati su google maps per il pubblico. In questo modo sarà istituito un ciclo di feedback tra la società umana e la società robot autonomo.

La laguna di Venezia è conosciuta per essere in pericolo, ma raccogliendo quanti più dati possibili provenienti da diversi settori può aiutare a ottenere una migliore comprensione dell’interazione dell’ influenza umana sul corpo idrico della Laguna di Venezia. Questo può anche aiutare a trovare il modo di difendere il patrimonio dell’umanità dalle minacce future.